martedì 14 febbraio 2017

La fattoria degli animali a cura di Barbara Chiuzzi

Autore: George Orwell
Titolo: La fattoria degli animali
Genere: Classico
Pagine: 140
Data di pubblicazione: 2001, 10 ed. 
Casa editrice: Mondadori





Gli animali della fattoria Manor decidono di ribellarsi al padrone e di instaurare una loro democrazia. I maiali Napoleon e Snowball capeggiano la rivoluzione che però ben presto degenera. Infatti Napoleon, dopo aver bandito Snowball, introduce una nuova costituzione: "Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri". La dittatura e la repressione fanno riappacificare gli animali con gli uomini che ormai non appaiono più agli exrivoluzionari molto diversi da loro.






  All'inizio non capivo perché questo libro fosse così elogiato, ma andando avanti nella lettura ho capito. Sbalordita da tanta genialità! Orwell attraverso un racconto che potrebbe sembrare una favola, fa un chiaro riferimento alla rivoluzione russa e allo stalinismo servendosi di una fattoria e dei suoi animali, lo fa in modo a dir poco brillante e arguto. Un popolo ignorante si manipola facilmente è sufficiente seminare il seme del dubbio nei pensieri della gente , attuare un po' di propaganda diffamatoria per convincere tutti di ciò che in realtà non è . L'uguaglianza non esiste il potere crea stati di supremazia e di inferiorità assoluta, una frase scritta nel libro rende perfettamente l'idea…

“Gli animali sono tutti uguali, ma alcuni sono più uguali di altri.”


Nessun commento:

Posta un commento